Posticini per la colazione a Roma

Le fanciulle de I Posticini oggi ci svelano i loro locali preferiti per la colazione a roma. A voi una mini-guida

FARO

Ore 11:00 di mattina. Due ore di traffico. Quaranta gradi all’ombra. Una sfiga dietro l’altra. Estate romana. Uno se la immagina a cavallo di una vespa anni ’50, un gloss ciliegia e il vento che ti scompiglia i capelli. Ecco. Tutt’altro.
Come se non bastasse stiamo su dalle 7 di stamattina con una banana, che: “tanto facciamo colazione fuori”.
Finalmente riusciamo a parcheggiare il nostro cinquiglio vintage.
Bene, se capitano anche a voi mattinate così e avete necessità di essere coccolati, Faro è il posto giusto per rigenerarvi.
Qui il caffè è un rito, è cultura, è un atto d’amore. Ogni specialty coffee deve essere preceduto da un bicchiere d’acqua, nella quale sono state infuse bucce di agrumi e di mela, funzionale ad esaltare le qualità organolettiche del caffè, il quale non necessita nemmeno di essere zuccherato, talmente è pregiata la sua miscela e la sua tostatura media.
Un super pollice in su anche per l’ampia selezione di pasticceria artigianale del pastry chef Rami Kozman.
Usciamo rigenerate; sono i piccoli piaceri accompagnati da eccellenza e competenza che riescono a migliorare anche le mattinate iniziate nel peggiore dei modi.

Cosa ci piace: è la prima caffetteria specialty a Roma – i caffè 100% Arabica di singola piantagione, raccolti a mano e certificati dalla Specialty Coffee Association of America and Europe come prodotti d’eccellenza – la gentilezza, l’entusiasmo e la competenza del team – le brioches artigianali ai 5 cereali col miele.

Faro
Via Piave 55, 00187, Roma
06 42815714
Orari: LUN – VEN 07:00 – 17:00, SAB 08:00 – 17:00, DOM 09:00 – 17:00
Farorome.com

LA PORTINERIA

Vi ricordate la fabbrica di Willy Wonka, nella quale ogni cosa diventa fiaba, incanto, gioco? Ecco la Portineria non ha nulla da invidiarle, ad eccezione degli Umpa Lumpa, ovvio. E se siete bionde dentro come noi, quindi naturalmente attratte da luoghi del genere, in cui dominano le tinte acquerellate, quiete, luce ed estro, questo laboratorio gastronomico fa al caso vostro.
Porte, porticine, pomelli e maniglie di ogni genere invadono le pareti de La Portineria, suggerendone così il nome.
Superato il salottino damascato all’ingresso, una lunga vetrina di dolci di ogni tipo si estende fin quasi alla fine del locale; macarons colorati, monoporzioni di torte, praline di vario genere, cioccolata e brioches. Ce n’è per tutti i gusti.
La pasticceria è il fiore all’occhiello del locale ed è il riuscito risultato dell’unione del food designer Ciro Caldieri con il pastry chef Gian Luca Forino.
Benvenuti a colazione nella tana del Bianconiglio.

Cosa ci piace: i succhi di frutta bio “home made” – grattugie, pentole e fruste usate come paralume – il piccolo dehors in fondo al locale per le colazioni estive – il laboratorio a vista mentre si arrotola la sfoglia dei cornetti.

La Portineria
Via Reggio Emilia 22/24, 00198, Roma
06 95218864
Orari: LUN chiuso, MAR 07:00 – 20:00, MER – SAB 08:00 – 15:00, 18:00 – 23:00, DOM 08:00 – 20:00
Laportineria.it

BAR DEL FICO

Arriviamo in bici e la lasciamo appoggiata ad un grande albero di fico che domina l’intera piazzetta, Piazza del Fico, appunto.
Mentre due vecchietti simpatici giocano la loro partita di scacchi all’ombra del fico, noi entriamo per rifocillarci dal grande caldo metropolitano…legno scricchiolante a terra, sedioline che ricordano i tempi della scuola, ma, soprattutto, nella parte riservata al caffè, un tripudio di frutta, verdura e croissant a volontà  che dominano il bancone.
Abbiamo assolutamente bisogno di un caffè e di qualcosa di ghiacciato da ingurgitare…e così, dopo aver conquistato il miglior tavolino per godere della vista sulla silenziosa piazzetta, iniziamo la nostra colazione: spremuta d’arancia con cubetti di ghiaccio, sfilatino alle noci e sciroppo d’acero (rigorosamente fumante e profumato al burro) e caffè. Ma la chicca che ci ha dato una super carica per affrontare il resto della giornata è stata sicuramente una gustosissima centrifuga a base di mela e zenzero, con una goccia di latte di mandorle…ah il sapore dell’estate!
Mentre sorseggiamo la nostra super centrifuga, jazz di New Orleans nelle orecchie e il vicino di tavolo con panama e mocassini rosso corallo che legge Hemingway: “il vecchio e il mare”.
Ah quanto vorremmo passare l’intera mattinata all’ombra di quel fico…

Cosa ci piace: per chi avesse voglia e tempo di rimanere anche a pranzo, basta girare l’angolo ed entrare al Ristorante del Fico, in Via della Pace.

Bar del fico
Piazza del fico 26, 00186, Roma
0668891373
Orari: LUN – DOM 7: 30 – 2:00
Bardelfico.com/it/

BAR PERÙ

Vi è mai capitato di vedere il film Il Vigile con il grande Alberto Sordi, dove nei bar di Roma si beveva il caffè tostato e macinato sul posto o venivano servite palline di gelato nelle vecchie coppe di metallo opaco? Ecco il Bar Perù impersonifica proprio quell’epoca, quella del refrigerio dato dalle pale dei ventilatori a soffitto, dei lampadari sferici di colori accesi, delle crostate fatte in casa direttamente dalla proprietaria che poi è la signora dietro la cassa…ed è incredibile come il bar Perù, nonostante le epoche cambiate, sia ancora frequentato dalla gente di quartiere, nostalgica dei mitici anni ’60.
Arrampicate sui vecchi sgabelli di latta, ci godiamo la nostra colazione del sabato mattina: caffè freddo della Torrefazione Barbera, fetta di crostata con marmellata di visciole dei castelli e forse, dato che oggi salteremo il pranzo, potremmo concederci anche una fetta di ciambellone. Si credo proprio che ne prenderemo una di quel ciambellone così morbido, così giallo che quando lo immergiamo nel caffè vengono esaltati tutti i sapori del limone misto all’impasto casereccio.
La cosa bella del bar Perù, oltre ai camerieri romani doc, rimasti anch’essi nell’epoca dei film di Albertone, è la semplicità mista alla stravaganza degli anni 60: vasetti di fiori per colorare l’ingresso, le insegne originali, le torte fatte in casa, i tavolini dei bar di una volta e il sapore autentico dei biscotti di pasta frolla.

Cosa ci piace: Tra i frequentatori delle colazioni di una volta al Bar Perù si annovera anche Pier Paolo Pasolini.

Bar Perú
Via di Monserrato 46, 00186, Roma
066879548
Orari: LUN – SAB 6:30 – 2:00
Caffeperu.it

ANGELINA A TREVI

Se ci si perde fra i vicoletti del centro, di sicuro ci si può ritrovare davanti alla maestosa fontana di Trevi che domina l’intera facciata della piazzetta omonima. E proprio dal nome della nota fontana che i fondatori di Angelina hanno preso spunto per aprire l’angolino distaccato di Angelina a Testaccio.
Realizzato all’interno di un antico laboratorio di piante officinali, Angelina a Trevi propone un incontro in serra, un piccolo orto in città, un giardino con antichi erbari e stampe botaniche. Infatti, fra piante grasse, poltrone consumate dal tempo, sedie in tondini di ferro, tavoli da lavoro per giardinaggio, decidiamo di fermarci ad assaggiare la seconda centrifuga della giornata. Questa volta servita dentro un barattolino per marmellate (precedentemente ghiacciato), affiancato da gustosi biscottini al malto, rigorosamente home made. Finalmente un attimo di pace e silenzio, lontano dal frastuono della Capitale. Ci leggiamo la testata del quotidiano a disposizione dei clienti, appeso alle pareti con l’apposito porta giornali in legno di radica, come usava un tempo.
Per chi avesse ancora voglia di dolce, dietro il bancone di questa graziosa brasserie sono esposte diverse torte e noi non potevamo non adocchiare quella alle mele, che nasconde un vago ricordo della nonna.

Cosa ci piace: per i più golosi, una delle particolarità senz’altro da tenere a mente è il caffè con immerso un cucchiaino di crema al mascarpone: la c.d. botta di vita!

Angelina a Trevi
Via Poli 27, 00187, Roma
06 6797274
Orari: LUN – DOM 8:00 – 00:00
Ristoranteangelina.com

I posticini


Iposticini.blogspot.it

Written By
More from Closette

Crossfit ti cambia la vita

Se mi seguite da un po’ avrete notate un paio di foto...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.