Pantaleo – Roma

Il mio giro per Roma alla scoperta di posticini belli dove fare uno stop con stile, oggi fa tappa da Pantaleo.

Era il santo impossibile da uccidere ed è raffigurato in un bellissimo e solenne murale all’ingresso del locale, il cui volto ritrae quello del conte Camillo Negroni, inventore del celebre cocktail rosso rubino.
Tutti i cocktail sono frutto di un attento e consapevole studio del Martini, colonna portante del locale: degni di nota il DIRTY PANTALEO, sporcato con salamoia di capperi di Pantelleria e side di cucunci, l’OLIVE con olive taggiasche infuse in Vermouth dry, origano dell’Etna e peperoncino ed il mio preferito, il JAPAN, con tintura di wasabi, sake e salsa di soia.
Pantaleo prende il nome dalla piazza su cui si affaccia e si trova a metà strada tra Piazza Navona e Campo de’Fiori e si snoda su tre piani, ognuno adatto ad un momento diverso della giornata.
Fulcro dell’intero locale è il tavolo in metallo con alti sgabelli di velluto rosso che serpeggia al centro della sala.
La cantina si trova al piano inferiore ed è anche ricca di vini selezionati da Sergio Frasca: tutte le etichette possono essere degustati alla mescita.
Il menù offre un’ottima varietà di crudi di carne e pesce, taglieri di formaggi, burger gourmet, insalate, zuppe ed un’insolita novità: la pizza liquida di Roberto De Santis, chef che arriva dal Majestic Hotel e da una lunga collaborazione con Filippo La Mantia.
Pantaleo sorprende davvero per la sua versatilità e per il suo essere mai scontato…vi lascio con qualche scatto del mio pranzetto di qualche settimana fa, in attesa di tornare per il brunch domenicale che è da poco sbarcato anche qui e che sono sicura sarà davvero fantastico!!!

Pantaleo da adesso presenta anche il brunch della domenica con pancakes, uova, succo di arancia, torte, il tutto servito al tavolo: i piatti vengono infatti messi nel centro e si mangia insieme un pò come nei tipici pranzi della domenica in famiglia.

Flavia Priolo
Teverdeepasticcini.com

Written By
More from Closette

La Casetta

Un giorno qualunque di dicembre, sempre con gli occhi a terra e...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.