Marrakech: Riad du Ciel

Mi trovo spesso a viaggiare per lavoro, grande fortuna ma c’è da ammetterlo, per vacanza è tutta, tutta un’altra storia.
La bandierina sul Marocco, e in particolare su Marrakech, ancora io non l’avevo messa e così mi son decisa e ho prenotato 4 giorni trascinando con me Marco-il-santo!
Non voglio raccontarvi di come sia straordinaria e particolare questa città, un po’ perché non basterebbe l’intero sito e un po’ perché magari alcuni di voi non l’hanno ancora vista e la sorpresa io non ve la voglio rovinare. C’ho giusto un paio di amiche, Virginia ed Elisa, in partenza tra non molto, quindi eviterò di spoilerare raccontando come andrà il vostro viaggio.
Vabè, un par di foto ve le metto eh!

DSC00066

DSC09951

DSC00096

DSC09980

DSC09991

Ovviamente ho il dovere morale di suggerirvi questo meraviglioso piccolo riad, il Riad Du Ciel.
Appena arrivata ho avuto un momento di panico: una viuzza nel cuore della Medina, un edificio apparentemente anonimo e una semplice porta di legno, no scritte, insegne…nulla!
Eccallà, o ho toppato con la prenotazione o questo riad è una bufala e non esiste, e quante se ne sentono in giro di cose così? Ve lo dico, io ero già in piena crisi stile pre-mestruo mentre Marco-il-Santo rideva!
A me fortunatamente è capitato solo una volta, durante un giro di lavoro, di trovare al posto di un negozio un campo! Ecco, vi assicuro che la sensazione non è stata bellissima, anzi..figuriamoci se la struttura fantasma è quella che ti deve ospitare per le vacanze!
“Che facciamo entriamo?” mi dice lui!
Sembravo Jessica Biel in una scena di “Non aprite quella porta”!

Vabè, mal che vada troveremo un altro posto dove andare a dormire (certo, certo, valigie, medina, caos, già piangevo)…..apro, entriamo e ve lo giuro che ho tirato un urlo, non usa cosa esagerata eh, una cosa più da femminuccia isterica ma comunque sorpresa.
Meraviglia delle meraviglie varcata la porta mi sono ritrovata in paradiso proprio!
Caos, rumori e delirio della Medina spariti in un nano secondo e ci troviamo davanti ad una casa marrocchina dell’800 ristrutturata e trasformata direttamente nell’Eden!
Un piccolo corridoio ti porta subito in un patio contornato da alberi di arancio, una piccola piscina cosparsa di petali di rose e una zona con divani e cuscini dove veniamo fatti accomodare e ci viene servito del tè con pasticcini tipici marocchini, in sottofondo una leggera musica locale.
Ecco, io non ho bisogno di visitare Marrakech, sto a posto così eh, per me il viaggio può finire qui!

Dopo lo stepitoso benvenuto (cioè io mi ero già così ambientata che me ne stavo sdraiata su un divano sorseggiando tè e delirando parole in marocchino stretto rigorosamente inventato) ci avviamo verso la nostra camera.
Il riad ha solo 5 stanze, tutte diverse tra loro, la nostra l’avevo scelta con mooolta attenzione: Chambre Du Ciel, chiamata così per il contatto diretto col cielo praticamente: una terrazza privata con vista su Marrakech con tanto di solarium e una piccola vasca contornata di fiori. Arredata con antichi moucharabi e con tappeti, calda, accogliente….e io impazzisco proprio!
Ho già in mente la mia vacanza: tè nel patio e ore di relax in camera..sto scherzando, sto scherzando…!
Se decidete di passare qualche giorno qui vi consiglio vivamente di prenotare almeno una cena nel riad. La cucina è semplicemente spettacolare (standing ovation alla cuoca) e l’atmosfera così romantica che giuro mi si sono cariati tutti i denti, uno ad uno!
Ci è stata infatti riservata una saletta con camino acceso (avevamo infatti trovato un po’ di freddo in quei giorni), poltrone, cuscini e luci soffuse. Vino rosso, candele, petali di rose, musica…
Tutto semplicemente perfetto.
Perfetto come ogni singolo dettaglio, dai petali di rosa in ogni angolo della camera alle torte della colazione, dal personale, premuroso presente e assolutamente non invadente, alla cucina ottima, dall’atmosfera che si respira agli arredi studiati in ogni singolo dettaglio.
Un piccolo paradiso dove rifugiarsi per ritrovare se stessi, per entrare in sintonia con questa straordinaria città che è Marrakech senza necessariamente tuffarsi nel caos (che vi aspetterà non appena vi infilerete nel souk, non temete)

foto-2-4

RIAD4

foto-31

foto-1-31

foto-3-21

foto-1-21

foto-2-21

RIAD2

foto-2-31

foto-21

Un grazie speciale ad Adriano, persona meravigliosa, che ci ha accolto in questo Eden nascosto.

Riad du Ciel
1, Derb Chérif, Rue Diour Saboun
Marrakech
Tel +212 (0)5 244 28 181
email: info@riadduciel.com

Written By
More from Closette

Marmalade (che non e’ marmellata)

Devo ammettere che ci avevo messo un po’ a cogliere la differenza...
Read More

1 Comment

  • Foto bellissime e troppo divertente questo post..mi segno questo riad tra i posti da visitare assolutamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.